Tuesday, February 16, 2016

Tortellini Pasta Salad Recipe - Laura Vitale - Laura in the Kitchen Epis...



INC News, 16/02/2016

How to prepare Баурсаки



INC News, 16/02/2016

Russian Cuisine • La cucina Russa "OKROSKA" • by Eka "CuriosityITALY"



INC News, 168/02/2016

Cozze e fagioli: tra i primi piatti la zuppa più sfiziosa (mussel soup r...



La zuppetta di cozze e fagioli (mussel soup recipe) è una preparazione rustica molto gustosa e saporita, ideale come primo piatto, ma se riduciamo la porzione possiamo servirla anche come antipasto. Ottima nelle fresche serate autunnali, quando il freddo non è ancora tanto intenso da richiedere una zuppa più consistente e più calorica. Io la preparo con i fagioli cannellini, ma si possono scegliere anche altre varietà di fagioli come i borlotti o dei buonissimi zolfini (i piccoli fagioli bianchi toscani), ma è anche molto buona preparata con i ceci. La zuppa di cozze e fagioli è un piatto che mi porta indietro nel tempo… la preparavo spessissimo nel piccolo ristorante che gestivo con la mia famiglia, i clienti ne andavano matti, tanto che qualcuno me la chiedeva anche in estate, e visto il caldo ne preparavo una versione fredda con frutti di mare misti, buonissima anche questa! …magari più in là vi proporrò anche questa versione.

Come vedrete dal procedimento la zuppa di fagioli e cozze è piuttosto semplice da realizzare, sono solo un po’ lunghi i tempi per preparare gli ingredienti principali, quindi la pulizia delle cozze e la cottura dei fagioli, ma una volta che questi sono pronti il piatto si prepara in un batter d’occhio!

INC News, 16/02/2016

Come cucinare i legumi secchi: lenticchie, ceci, fagioli (How to cook d...



Tutti i segreti per cuocere al meglio i legumi secchi come lenticchie, ceci e fagioli (How to cook dried beans)
I legumi sono un cibo molto nutriente in quanto possiedono elevate proprietà nutrizionali. Sono infatti ricchi di proteine, seppure biologicamente inferiori a quelle di origine animale ed hanno un buon contenuto di carboidrati. Sono inoltre molto ricchi di fibre e contengono pochi grassi e una discreta quantità di minerali. Abbinati ai cereali possono costituire un piatto completo, come una buona pasta e fagioli o pasta con i ceci o riso e lenticchie o il più classico riso con piselli.
Ovviamente il prodotto fresco è sempre da preferire, ma come per tutti i vegetali è meglio utilizzarli quando sono di stagione, e pertanto quando non disponibili ci dobbiamo “accontentare” per così dire, di legumi conservati, che troviamo surgelati, già cotti in scatola o in barattolo oppure secchi. Questi ultimi sono quelli che necessitano di più accorgimenti, di cotture più prolungate, ma vi assicuro che una volta pronti ripagano delle attenzioni che gli abbiamo dedicato. Intanto sono molto simili ai legumi freschi dei quali mantengono le proprietà organolettiche e conservano gran parte dei principi nutritivi. Poi sono sempre disponibili poiché si conservano in dispensa occupando poco spazio, e in ultimo ma non meno importante sono molto economici. In questo articolo e con il video che ne segue vi descriverò attentamente e in maniera relativa alle mie conoscenze come cucinare i legumi in modo perfetto!
Innanzitutto è importante acquistare sempre legumi che non hanno superato l’anno dal momento della raccolta, altrimenti ci ritroviamo un prodotto troppo vecchio, con buccia troppo dura e che necessita di cottura più prolungata. In questo caso si potrà ovviare in parte al problema utilizzando dell’acqua oligominerale che ne facilita la cottura, oppure aggiungendo il classico pizzico di bicarbonato, che in realtà non consiglio perché rovina la struttura del legume e ne modifica il gusto.
Altra cosa importante da eseguire è l’ammollo preventivo, necessario a reidratarli, altrimenti i legumi non cuociono bene risultando molto coriacei e con buccia dura.
Per legumi come lenticchie ed alcune varietà di fagioli di piccole dimensioni come i zolfini, i fagioli bianchi del purgatorio, i fagioli occhiolina, ma anche i cannellini non troppo vecchi non è necessario l’ammollo perché hanno buccia molto sottile che ne consente comunque una buona cottura. L’ammollo è necessario invece per i legumi con buccia più consistente come fagioli, ceci, fave, cicerchie, può essere evitato invece per lenticchie ed alcune varietà di fagioli dal seme piccolo o per i fagioli cannellini non troppo vecchi. I tempi di ammollo saranno più o meno prolungati in base al tipo di legume che dovremo cuocere. In linea di massima occorrono almeno circa 12 ore per i fagioli, da oltre 12 a 24 ore per ceci, fave e cicerchie, che si prolungano con il trascorrere del tempo dalla data di raccolta. L’acqua necessaria all’ammollo dovrà essere abbondante poiché gonfiandosi i legumi raddoppiano il proprio peso e triplicano il loro volume.
Se durante la cottura l’acqua dovesse evaporare eccessivamente possiamo aggiungerne dell’altra, poca per volta e a condizione che sia ben calda, altrimenti lo shock termico rovina i legumi. È importante inoltre che durante la cottura non aggiungiamo sale che indurisce la buccia dei legumi e compromettendone la cottura.
…ma venite nella mia cucina e passo passo vi mostrerò come cucinare i legumi al meglio!



INC News, 16/02/2016

Falafel Non Fritti - Polpette di Ceci al Forno



INC News, 16/02/2016

Bread rolls or dinner rolls (Roll-ppang: 롤빵)



INC News, 16/02/2016