Monday, June 29, 2015

Corso fioristi e wedding planner - Scuola d'Arte Floreale - Centrotavola

ORA VI SPIEGHIAMO PERCHÉ É UN ERRORE CHIAMARE L'INSALATA DI VERDURE COTTE "RUSSA" E NON OLIVIER!

L'insalata russa è la più nota delle insalate del gruppo "insalate composte di verdure cotte o miste di cotte e crude" servito prevalentemente come antipasto, attualmente costituito da tocchetti di verdure lessate (in gran parte patate) e mescolate con salsa maionese. Conosciuta nella tradizione russa come Insalata moscovita o Insalata Olivier è di probabile origine francese. Sembra che l'originale fosse composta da ostriche,caviale e gamberetti mescolati in salsa maionese. Era un piatto per ricchi divenuto in una variante più economica (verdure, salumi al posto del pesce) un piatto popolare durante il periodo sovietico.
Creata intorno al 1860 da Lucien Olivier nelle cucine del ristorante Hermitage di Mosca. Olivier propose effettivamente in quegli anni numerose insalate che si rifacevano alla tradizione russa e con i loro ingredienti, tuttavia queste comprendevano anche della carne fredda, lingua fredda, salsicciaprosciuttotartufo, erano decorate con capperi e filetti d'acciughe sotto sale, dissalate e passate nell'olio e in qualche caso il tutto veniva unito con dell'aspic. Questa è un antipasto di base nei pranzi festivi russi, soprattutto tra Natale e capodanno, accompagnata da champagne locale e mandarini del Marocco.

Anche se le scarsità di generi disponibili sui mercati del periodo sono oramai superate, con la possibilità di acquistare anche prodotti più esotici, questo piatto è ancora uno dei favoriti in Russia: è molto amato anche nel vicino Iran, dove il maiale, sotto forma di prosciutto o salsiccia, viene sostituito dal pollo Altre fonti riportano che il piatto sarebbe stato portato da Bona Sforza in Polonia, da dove il piatto avrebbe subito modifiche e sarebbe poi ritornato in Italia con il nome di Insalata russa.
L'insalata russa ha numerose varianti, secondo l'ingrediente aggiunto: con l'uovo sodo a dadini, con tocchi di pollo o di prosciutto cotto, con il tonno sott'olio, con capperi e acciughe

Cucumber Salad with Greek Yogurt and Fresh Mint

Quick & Easy Antipasto Kabobs

Antipasto Salad Recipe - Laura Vitale - Laura in the Kitchen Episode 348

Greek Tortellini Salad -- Lynn's Recipes

Saturday, June 27, 2015

Kawaii Melonpan (Japanese Sweet Buns) かわいいメロンパンの作り方 - OCHIKERON - CREATE...

Musk Melon Juice



Muskmelon juice is very good for health as it contain a lot of vital nutrients. It cools the body during summers and it is also good for health. Musk melon is low in calories, low in saturated fat and low in cholesterol. Try this healthy summer drink recipe and you’ll feel refreshing.
----------------------------------------­----------------------------------------­--
Ingredients

1. One Muskmelon, small to medium size.
2. A glass of water.
3. A piece of crushed jaggery.
4. Two cardamom pods.
5. Ice cubes.
6. Honey (for garnishing)
7. Sliced lemon (for garnishing) 

----------------------------------------­----------------------------------------­--
Directions

1. To juice out the Muskmelon, you need to pick a good one which is not discolored, dented, puffy or have soft spots.
2. Make sure you wash your muskmelon before using it.
3. Cut the melon lengthwise and use the tip of a spoon to gently remove the seeds out.
4. Peel the skin of the Muskmelon. Make them into pieces.
5. Put these pieces into the mixer.
6. Add crushed pieces of jaggery.
7. Add two cardamom pods.
8. Add 1 glass of cold water and blend the mixture.
9. Strain the juice into a bowl and serve the juice in a serving glass.
10. Add two ice cubes.
11. For garnishing, add a pinch of honey and stick the sliced lemon on top of the glass.
12. Enjoy the refreshing Muskmelon Juice!

Note - Muskmelon juice should be consumed within 15-20 minutes of extraction to prevent any oxidation and loss of nutrients.

Melon Smoothie by Tarla Dalal

Chilled Melon Soup Recipe by Manjula

Drunken Melon Balls Recipe

Agua de Melon Recipe | Great Everyday Meals

Monday, June 22, 2015

We want to explain what is POLENTA to British!

Polenta (Polente or Poleinte in France) is an Italian dish made by boiling cornmeal into a thick, solidified porridge, and directly consumed afterwards or baked, fried or grilled. The term is of Italian origin, derived from the Latin for hulled and crushed grain (especially barley-meal). Its etymology derives from the same base as the word "pollen". 
As it is known today, polenta derives from earlier forms of grain mush (known as puls or pulmentum in Latin or more commonly as gruel or porridge), commonly eaten since Roman times. Before the introduction of corn from the New World in the 16th century, polenta was made with such starchy ingredients as farro, chestnut flour, milletspelt, or chickpeas.
Polenta has a creamy texture due to the gelatinization of starch in the grain. However, its consistency may not be completely homogeneous if a coarse grind or hard grain such as flint corn is used.
Historically, polenta was served as a peasant food in North America and Europe. The reliance on maize, which lacks readily accessible niacin unless cooked with alkali to release it, as a staple caused outbreaks of pellagra throughout the American South and much of Europe until the 20th century. In the 1940s and 1950s, polenta was often eaten with salted anchovy or herring, sometimes topped with sauces.
Polenta is cooked by simmering in a water-based liquid, with other ingredients or eaten with them once cooked. It is often cooked in a large copper pot, known in Italian as a pillow. Polenta is known to be a native dish of and to have originated from Friuli. Boiled polenta may be left to set, then baked, grilled or fried; leftover polenta may be used this way. In the nearby Trieste, it is eaten with a cuttlefish and tomato broth in the Venetian tradition, with sausage following Austrian influence or with cooked plums, following an ancient recipe. Some Lombard polenta dishes are polenta taragna (which includes buckwheat flour), polenta unciapolenta conciapolenta e gorgonzola, and missultin e polenta; all are cooked with various cheeses and butter, except the last one, which is cooked with fish Lake of Como. It can also be cooked with porcini mushroomsrapini, or other vegetables or meats, such as small songbirds in the case of the Venetian and Lombard dish polenta e osei. In some areas of Veneto, it can be also made of white cornmeal (mais bianco perla, then called polenta bianca). In some areas of Piedmont, it can be also made of potatoes instead of cornmeal (polenta bianca as well).
The variety of cereals used is usually yellow maize, but buckwheat, white maize, or mixtures thereof may be used. Coarse grinds make a firm, coarse polenta; finer grinds make a creamy, soft polenta.

Polenta takes a lengthy amount of time to cook, typically simmering in four to five times its volume of watery liquid for about 45 minutes with near-constant stirring, necessary for even gelatinization of the starch. Some alternative cooking techniques are meant to speed up the process, or not to require supervision. Quick-cooking (cooked, instant) polenta is widely used and can be prepared in a few minutes; it is considered inferior to cooking polenta from unprocessed cornmeal and not ideal for eating unless baked or fried after simmering. It is also possible to cook polenta in a pressure cooker.
In his book HeatBill Buford talks about his experiences as a line cook in Mario Batali's Italian restaurant Babbo. Buford details the differences in taste between instant polenta and slow-cooked polenta, and describes a method of preparation that takes up to three hours, but does not require constant stirring: "polenta, for most of its cooking, is left unattended.... If you don't have to stir it all the time, you can cook it for hours—what does it matter, as long as you're nearby?" Cook's Illustrated magazine has described a method using a microwave oven that reduces cooking time to 12 minutes and requires only a single stirring to prepare 3½ cups of cooked polenta, and in March 2010 presented a stovetop, near stir-less method, using a pinch of baking soda (adding alkali), which replicates the traditional effect. Kyle Phillips suggested making it in a polenta maker or in a slow cooker.
Cooked polenta can be shaped into balls, patties, or sticks, and then fried in oil, baked, or grilled until golden brown; fried polenta is called crostini di polenta or polenta fritta. This type of polenta became particularly popular in southern Brazil following the immigration of northern Italians to the region.

Un poco di Cultura - L'Amarone

'Amarone della Valpolicella, usually known as Amarone, is a typically rich Italian dry red wine made from the partially dried grapes of the Corvina (45% – 95%, of which up to 50% could be substituted with Corvinone), Rondinella (5% – 30%) and other approved red grape varieties (up to 25%). The wine was assigned Denominazione di Origine Controllata (DOC) status in December 1990. On 4 December 2009, Amarone and Recioto della Valpolicella were promoted to the status of Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG). Total production for sale (including Recioto) in 2008 was 8.57 million bottles. The name Amarone, in Italian, literally means "the Great Bitter"; this was originally to distinguish it from the Recioto produced in the same region, which is sweeter in taste.Grapes are harvested ripe in the first two weeks of October, by carefully choosing bunches having fruits not too close to each other, to let the air flow. Grapes are allowed to dry, traditionally on straw mats. This process is called d'appassimento or rasinate (to dry and shrivel) in Italian. This concentrates the remaining sugars and flavors and is similar to the production of French Vin de Paille. The pomace left over from pressing off the Amarone is used in the production of Ripasso Valpolicellas.


Modern Amarone is now produced in special drying chambers under controlled conditions. This approach minimizes the amount of handling of the grapes and helps prevent the onset of Botrytis cinerea. In Amarone, the quality of the grape skin is a primary concern as that component brings the tannins, color and intensity of flavor to the wine. The process of desiccation not only concentrates the juices within the grape, but also increases the skin contact of the grapes. The drying process further metabolizes the acids within the grape and creates a polymerization of the tannins in the skin, which contribute to the overall balance of the finished wine.
The length of the drying process is typically 120 days, but varies according to producer and the quality of the harvest. The most evident consequence of this process is the loss of weight: 35 to 45% for Corvina grapes, 30 to 40% for Molinara and 27 to 40% for Rondinella. Following drying, end of January/beginning of February, the grapes are crushed and go through a dry low temperature fermentation process which can last up to 30/50 days. The reduced water content can slow down the fermentation process, increasing the risk of spoilage and potential wine faults such as high volatile acidity. After fermentation, the wine is then aged in barriques made from either FrenchSlovenian or Slavonian oak.
If fermentation is stopped early, the resulting wine will contain residual sugar (more than 4 grams of sugar per liter) and produce a sweeter wine known as Recioto della Valpolicella. The risotto was the traditional wine produced according to this method, and Amarone originally was Recioto wines that had fermented for too long. Unlike Amarone, Recioto della Valpolicella can also be used to produce a sparkling wine. Ripasso is an Italian wine produced when the partially aged Valpolicella is contacted with the pomace of the Amarone. This will typically take place in the spring following the harvest. The resulting wine is more tannic, with a deeper color, more alcohol and more extract. The word Ripasso designates both the winemaking technique and the wine, and is usually found on awine label.

Un Poco di Cultura - STORIA DEL CAMPARI

Da 150 anni una ricetta segreta e inconfondibile caratterizza Campari, l’aperitivo per eccellenza, base ed evoluzione di molti cocktail che vengono serviti in tutto il mondo.


L’inimitabile ricetta è sempre rimasta inalterata e tramandata gelosamente nel corso della storia. Frutto della sperimentazione di Gaspare Campari, è tuttora prodotto con gli stessi ingredienti, grazie a una formula che ancora oggi rimane segreta e conosciuta da pochissime persone.Un liquore che diventa aperitivo, questo è il segreto del suo successo.
Campari è un bitter alcolico, ottenuto dall’infusione in alcol e acqua, di erbe aromatiche, piante, frutta: solo questi sono gli elementi resi noti della sua speciale ricetta. Il rispetto della tradizione e la forza del marchio, hanno costruito nel tempo qualcosa di irripetibile, ancora oggi unico al mondo.
Le origini del Bitter Campari si collocano a Novara, dove il giovane Gaspare Campari nel 1860 inventa un nuovo liquore chiamato “Rosa Campari”e negli anni a seguire ne perfeziona la ricetta, che da allora è rimasta invariata. Sul finire del 1860, Gaspare e la sua famiglia si trasferiscono a Milano e riescono ad ottenere una licenza per aprire un locale nel cuore della città, nella prestigiosa Galleria Vittorio Emanuele II, che venne chiamato Caffé Campari. Nel retro bottega Gaspare Campari allestì un laboratorio in cui creava i suoi elisir (tra cui anche il Bitter all'uso d'Hollanda e il Cordiale), dando vita ad un nuovo tipo di liquore. La vera rivoluzione e l’intuizione fu quella di proporre l’amaro prima di pranzo e non dopo, come digestivo, creando una nuova moda e andando ad affermare il rito dell’aperitivo.
Poco più di quarant’anni dopo, sotto la guida del figlio Davide Campari, venne inaugurato il primo impianto produttivo a Sesto San Giovanni (Milano) e l'azienda iniziò ad esportare i propri prodotti all'estero. Questo fu l'inizio di un successo inarrestabile che ha fatto di Campari uno degli aperitivi alcolici più noti al mondo..



(da Campari.com)

Friday, June 19, 2015

Үнді таңғы асы

Қайнатылған сусындар пайдасы

Араб таңғы асы

Un poco di cultura: STORIA DELL'HAMBURGER

L'hamburger (chiamato in Italia anche svizzera o pressata) è una polpetta di carne macinata e pressata - solitamente bovina ma anche di pollo - cotta prevalentemente su piastra.
Il termine, col diffondersi delle catene internazionali di fast food è passato ad identificare anche un panino imbottito composto da panecarne bovina tritata (un hamburger, appunto), salse e condimenti vari.
La parola è frutto di un prestito linguistico fra tedesco e inglese. Infatti l'identificativo tedesco hamburger (che indicava qualcosa o qualcuno originario della famosa città anseatica), passò nell'inglese colloquiale con la definizione Hamburger steak ovvero bistecca di Amburgo.
Probabilmente polpette di carne bovina erano comuni nella città e nel porto di Amburgo verso l'inizio del XIX secolo. Questa ricetta fu portata nel Nordamerica da parte dei numerosi tedeschi immigrati negli Stati Uniti in quello stesso periodo, la gran parte dei quali partivano dal porto di Amburgo (già allora maggior porto commerciale della Germania) e si diffuse con il nome di "Hamburger Steak".
La prima apparizione della ricetta. in un menu americano viene fatta risalire al 1836, anche se il primo uso documentato del termine "Hamburg steak" risale al 1884. L'uso come variante del termine "Hamburger", aggettivo tedesco che significa amburghese (della città di Amburgo), appare per la prima volta nel quotidiano di Washington, Walla Walla, nel 1889.
Nel 1902 si ha traccia di una descrizione della "Hamburg steak" simile alla moderna concezione dell'hamburger. L'etimologia della parola italiana "Svizzera", con il significato di polpetta di carne macinata e pressata, è probabilmente parallela a quella della parola inglese "Hamburger": anche in questo caso sta ad indicare la provenienza della ricetta dall'area germanica nord-europea.
L'hamburger nel tempo dagli Stati Uniti d'America si è diffuso in tutto il mondo tramite le multinazionali statunitensi ed europee di ristorazione veloce (ovvero fast food), divenendo anche simbolo dello stile di vita frenetico econsumistico della società moderna, cosiddetta globalizzazione. L'hamburger è stato copiato da diverse società alimentari sparse per il mondo ampliando la conoscenza di questo cibo. La popolarità e la diffusione dell'hamburger ha raggiunto livelli comparabili a quelli della pizza.
Il 27 novembre 2006, la catena di fast food McDonald's brevetta i propri hamburger, in modo da uniformare il processo di realizzazione dei panini in ogni ristorante della catena e rendere il procedimento esclusivo per i suoi prodotti.
Il 22 settembre 2007, a St. Cloud, nel Minnesota, dopo aver mangiato un hamburger poco cotto, Stephanie Smith rimase intossicata da Escherichia coli O157: H7, responsabile di una sindrome entero-emorragica grave, caratterizzata da diarrea emorragica,sindrome emolitica uremica (SEU), insufficienza renale acutaanemia emolitica e trombocitopenia. Stephanie Smith andò in coma e vi rimase per più di 2 mesi. Ne uscì, con il sistema nervoso devastato: non poteva più camminare, essendo paralizzata dall'addome ai piedi, sono state incriminate una società e due dipendenti, accusandoli di fornire informazioni false in relazione alla contaminazione degli hamburger prodotte in un impianto del Nebraska, nel 2009 ed è stata introdotta la disinfezione della magra di manzo finemente strutturata con ammoniaca[16] e una cottura più calda e prolungata degli hamburger.
L'infezione da escherichia coli, in seguito all'ingestione di hamburger tossici viene descritta nel libro-thriller Sindrome fatale del medico Robin Cook e ha colpito circa 40.000 americani.

Un poco di cultura su: OGGI LA CIPOLLA!

La cipolla (Allium cepa L.) è una pianta coltivata bulbosa tradizionalmente attribuita alla famiglia delle Liliaceae, secondo schemi tassonomici più recenti da inserire tra le Amaryllidaceae[1]. È una pianta erbacea biennale il cui ciclo di vita, in coltivazione, viene interrotto a un anno al fine di destinarla al consumo. Ha radici superficiali, con foglie che si ingrossano nella porzione basale dando la parte commestibile. Forma un lungo stelo fiorale che porta un'infiorescenza a ombrella con fiori di colore bianco-giallastro. Il frutto è una capsula.
Il suo utilizzo principale è quello di alimento e condimento, ma è anche adoperata a scopo terapeutico per le proprietà attribuitele dalla scienza e dalle tradizioni della medicina popolare.
Sembra che i bulbi di cipolla e di altre piante della famiglia siano stati usati come cibo già nell'antichità. Negli insediamenti cananei dell'età del bronzo, accanto a semi di fico e noccioli di dattero risalenti al 5000 a.C., sono stati ritrovati resti di cipolle, ma non è chiaro se esse fossero effettivamente coltivate a quell'epoca. Le testimonianze archeologiche e letterarie suggeriscono che la coltivazione potrebbe aver avuto inizio circa duemila anni dopo, in Egitto, insieme all'aglio e al porro. Sembra che le cipolle e i ravanelli facessero parte della dieta degli operai che costruirono le piramidi.
La cipolla si propaga, si trasporta e si immagazzina facilmente. Gli antichi egizi ne fecero oggetto di culto, associando la sua forma sferica e i suoi anelli concentrici alla vita eterna. L'uso delle cipolle nelle sepolture è dimostrato dai resti di bulbi rinvenuti nelle orbite di Ramesse II. Gli egizi credevano che il forte aroma delle cipolle potesse ridonare il respiro ai morti.
Nell'antica Grecia gli atleti mangiavano cipolle in grandi quantità, poiché si credeva che esse alleggerissero il sangue. I gladiatori romani si strofinavano il corpo con cipolle per rassodare i muscoli. Nel medioevo le cipolle avevano grande importanza come cibo, tanto che erano usate per pagare gli affitti e come doni. I medici prescrivevano le cipolle per alleviare il mal di capo, per curare i morsi di serpente e la perdita dei capelli. La cipolla fu introdotta in America da Cristoforo Colombo nel suo viaggio del 1493 a Haiti. Nel XVI secolo le cipolle erano inoltre prescritte come cura per l'infertilità, non solo nelle donne, ma anche negli animali domestici.
Le cipolle sono ricche di vitamine e sali minerali. Il caratteristico odore dei bulbi tagliati è dovuto all'abbondanza di solfossidi, in primis il trans-tiopropanal-S-ossido. Affettare le cipolle fa lacrimare gli occhi perché dei precursori presenti nel citoplasma, gli alchil o alchenil cisteina solfossidi (ACSO), dopo il taglio si combinano con la allinasi, un enzima che viene rilasciato dal vacuolo; la combinazione di questi elementi produce acidi solfenicipiruvato, e ammoniaca. L'acido sulfenico, se attaccato da un secondo enzima detto Lachrymatory Factor Synthase produce sin-propanethial-S-ossido, una molecola voltatile e idrosolubile, che è appunto il fattore lacrimogeno poiché, quando entra in contatto con l'umore acquoso presente sul bulbo oculare, si trasforma in acido solforico.
Il contatto con l'acido solforico provoca una immediata reazione di difesa da parte dell'occhio, consistente nella produzione di lacrime; tuttavia la maggiore quantità di secreto acquoso sull'occhio non fa che trasformare una maggior quantità di propilenossido in acido solforico, in una reazione a catena.
È proprio per ridurre la quantità di fattore lacrimogeno liberato che una delle soluzioni adottate per tagliare le cipolle senza lacrimare consiste nel farlo sotto l'acqua corrente: il composto è molto idrosolubile per cui se ne diminuisce la volatilità.